News istituzionali

23 Novembre 2016

Commemorazione 4 novembre

4 NOVEMBRE 2016

Il 4 novembre il gruppo Alpini di Gressan insieme all’Amministrazione comunale hanno ricordato i caduti di tutte le guerre.
Dopo la deposizione della corona ai piedi del monumento ai caduti e la messa celebrata da Don Michel, il Capogruppo Rinaldo Berlier ha ringraziato i presenti perchè dimostrano che non si vuole dimenticare chi è partito per la guerra e non è più tornato e quindi quale sia stato il sacrificio dei Gressaens.

Il Sindaco Michel Martinet ha sottolineato “Quanto mai siano scellerate le decisioni prese dai governati che dispongono di ‘Entrare in guerra’, infatti oltre ai soldati che vi perdono la vita, vi sono interi paesi che vengono distrutti e sono da ricostruire completamente, famiglie devastate, bimbi che per tutta la loro vita si porteranno appresso il terrore maturato nel periodo del conflitto e purtroppo tanto altro dolore ancora…Penso quindi che per un amministratore pubblico essere presente a momenti come questo sia un obbligo, deve essere un esempio da dare alle nuove generazioni perché venga sottolineato che ‘la Guerra’ è da ripudiare SEMPRE”.

 Infine il Capogruppo ha ringraziato l’Alpino Dario SANDI per la scultura che lo stesso ha donato al gruppo di Gressan in memoria del Papà “Angelino” Alpino ex combattente. Complimenti Dario, tuo Papà sarebbe fiero di te… 
DARIO SANDI

Commemorazione 4 novembre

Ultimi articoli

News istituzionali 2 Aprile 2021

Convocazione del Consiglio comunale dell’8/04/2021

Si rende noto che il Consiglio comunale si riunirà, in sessione ordinaria , il giorno giovedì 8 aprile p.

Notizie 31 Marzo 2021

IL LUPO IN VALLE D’AOSTA

Visto le sempre maggiori segnalazioni di avvistamento di lupi nella nostra regione, le competenti strutture dell’Amministrazione regionale hanno pubblicato un’infografica sui comportamenti da tenere in caso di incontri con un lupo.

Emergenza COVID 29 Marzo 2021

Emergenza COVID-19 – ultimi aggiornamenti

Online le misure normative per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

torna all'inizio del contenuto