19/11/2017

A.N.A. Gressan.


CONTATTI
Associazione Nazionale Alpini – Sezione valdostana – Gruppo di Gressan
Indirizzo
:  Fraz. Chez Le Ru (Ex Municipio) – 11020  GRESSAN  (AO)
Telefono:  0165/250205 – 3404148141  Capogruppo
Posta elettronica:    ana.gressan@yahoo.it
Capogruppo:   BERLIER Rinaldo

 

Organi rappresentativi dell’Associazione e carica ricoperta dai membri per il triennio 2015/2017:

– BERLIER Rinaldo – Capogruppo

– GUERRAZ Dario – Vice Capogruppo

– CARMELLO Lino – Segretario/Tesoriere

– BERTHOD Renzo – Alfiere

– VIERIN Camillo – Alfiere

– BERLIER Andrea – Consigliere

– BIDESE Cristiano – Consigliere

– DUGROS René – Consigliere

– GRANGE Lauro – Consigliere

– QUENDOZ Roberto – Consigliere

– ZAMBON Renato – Consigliere

– GRIVEL Stefano – Revisore

– MION Remo – Revisore


GLI ALPINI DI GRESSAN: piccola storia

 

LA SEZIONE VALDOSTANA

 

A Milano, nel 1919, nasce l’Associazione Nazionale Alpini ad opera di un gruppetto di alpini in congedo, reduci della guerra 1915/18. Grande è l’adesione alla nuova Associazione, grande è l’entusiasmo riscosso tanto che emerge la necessità di trovare un mezzo idoneo per stabilire e mantenere il collegamento fra i soci, sempre più numerosi. Così, in data 5.1.1920, esce il primo numero del giornale “ L’Alpino “, ancora oggi organo ufficiale dell’ANA. A settembre del 1920 ha luogo la prima Adunata Nazionale che vede riuniti sul Monte Ortigara un migliaio di alpini. Sorgono le prime Sezioni, e da queste i primi Gruppi, in numero sempre maggiore. Il 6 settembre 1923 viene fondata La Sezione Valdostana per iniziativa di 65 soci fondatori. Aosta ospita il 29 settembre 1923, la 4a Adunata Nazionale. Sulla spinta di tale avvenimento, anche in Valle d’Aosta sorgono i gruppi. Il primo ad essere costituito è quello di Introd il 22.11.1925, mentre il nostro, il  Gruppo di Gressan, viene fondato il 18.12.1927. Da allora la Sezione Valdostana è sempre andata in crescendo ed oggi è forte di 70 Gruppi, 5500 Alpini e 500 Aggregati. Nel 2003 la Sezione ha avuto l’onore di organizzare la 76° Adunata Nazionale.

  IL NOSTRO GRUPPO

 

Il Gruppo di Gressan fu attivo negli anni 30 sino all’inizio del 2° conflitto mondiale. Nell’immediato dopoguerra  nessuno pensò di ricostituirlo, anche perché gli alpini, che della guerra ne avevano provato le traversie, le brutture e le atrocità, preferivano dimenticare e non ricordare. Si arriva, così, al 1966 allorché alcuni alpini, appena terminata la leva, decidono di ricostituire il gruppo. La ricostituzione del Gruppo Penne Nere di Gressan avviene il 12 febbraio 1967 con una serie di manifestazioni che ancora oggi i più anziani ricordano. Al momento della ricostituzione il Gruppo contava 111 soci ma nel corso degli anni ha raggiunto anche i 230 iscritti ( oggi sono circa 160 ). Da subito il Consiglio ha operato per dare prestigio  al Gruppo. Tutti ricordano lo storico “ Trofeo Gerbore “ gara di slalom gigante a carattere sezionale che si svolgeva a Pila e aperto a tutte le Penne Nere della Valle d’Aosta e organizzato dal 1968 fino a qualche anno fa quando, per mancanza di partecipanti, è stato sospeso.

LA NOSTRA SEDE 

Nell’inverno 1979/80 un gruppo di soci volonterosi, dotati di capacità e spirito di corpo, trasforma in decorosa e confortevole Sede di Gruppo due locali dello scantinato della casaforte dei Signori dei Ru, risalente al XVI secolo. L’inaugurazione avviene il 18 maggio 1980 alla presenza di numerose Autorità, tra le quali l’allora Consigliere Nazionale di zona Corrado Perona.

CIPPO VOTIVO “ MADONNA DEGLI ALPINI” 

E’ stato eretto a Pila, nel magnifico fazzoletto di bosco chiamato “ Printemps “. Non ci hanno impiegato molto gli otto soci incaricati e domenica 8 maggio 1982 tutto era pronto per l’inaugurazione, alla presenza di una enorme folla sparsa sui prati adiacenti. E’ nata, così, assieme al cippo, la prima sagra alpina.

CAPPELLA DI COLOMBIT (dedicata a San Maurizio )      

Nel corso del 1987 il gruppo si impegna alla ricostruzione della Cappella di Colombit, una delle più vecchie chiesette del nostro territorio, completamente diroccata e abbandonata. Si lavora intensamente dalla primavera all’autunno e domenica 22 novembre 1987 la cappella, alla presenza di tanti alpini, è benedetta e riaperta al culto.

Ogni anno il gruppo vi festeggia il Patrono, San Maurizio, il 22 settembre.

Punta Valletta

CROCE PUNTA VALLETTA

Nel 1990 si avvera il sogno di posare una croce sulla Punta Valletta, a metri 3090, punto più alto del ns. comune, che abbraccia tutta la sottostante conca di Pila. Nel 1992, in occasione del 25° di ricostituzione, alla croce-traliccio viene posta una targa in bronzo che riporta i nomi di tutti i soci del gruppo andati avanti (l’elenco viene annualmente aggiornato). La benedizione avviene il 12 luglio, con una messa celebrata in contemporanea con altri cinque punti strategici della Valle per ricordare tutti i caduti.

PLACCA “ MION” 

Placca “Mion” al Couis 1

Nel 1992 ci ha lasciati, in tragiche circostanze, un caro amico, consigliere del Gruppo, Renzino MION.

Sua era stata l’idea di realizzare una placca segnaletica in bronzo al Couis 1 (mt.  2750).
Il gruppo ne ha concretizzato la realizzazione e l’inaugurazione è avvenuta il 18.8.1994.
Da allora è meta di una annuale escursione da Pila, in occasione del Patrono S. Lorenzo, il 10 agosto.

Tsapallin

LO TZAPALLIN

Sulla mulattiera che unisce il capoluogo a Pila, a 20 minuti dal centro abitato, insiste un oratorio, molto antico, detto “ lo tzapallin “. E’ dedicato a S. Antonio Abate , protettore degli animali.
A lui si rivolgevano i contadini quando passvano di lì per raggiungere i maien e i pascoli più alti nel periodo della monticazione.
Caduto in disuso a seguito della costruzione della nuova strada per Pila era, ormai, diroccato. Un pezzo di storia destinato a scomparire.
Alpini e simpatizzanti l’hanno ricostruito più bello che mai è il 24.9.1994 è stato benedetto. Ogni anno, al ritorno dall’Adunata Nazionale, vi si celebra una messa in ricordo dei soci “ andati avanti “.

Morena di Gargantua

CROCE MORENA

Sul punto panoramico in cima alla Morena di Gargantua che sovrasta il nostro Comune, nel 1937 era stata eretta una croce in ricordo di una missione. Nel corso degli anni  era quasi completamente crollata. Alpini e simpatizzanti hanno provveduto a posarne una nuova in occasione della Pasqua dell’anno giubilare 2000.


Stampa la pagina
kauçuk makinaları